Traduci nella tua lingua

NEWS LAICI SALETTINI

Nel periodo dal 30 settembre al 09 Ottobre si è tenuto a La Salette in Francia il 2° INCONTRO INTERNAZIONALE DEI LAICI SALETTINI. Per vedere tutti i video che la Congregazione pubblicherà relativi all'evento cliccare sulla foto: 2 incontro internazionale laici salettini

Foto in slide di Salmata

Menu veloce articoli

 VOCAZIONI (28)
 VARIE (1)
 NEWSLETTER (14)
 APPARIZIONE (23)

Cammino di Santiago

LITURGIA DI OGGI

Una grande risorsa

Giubileo Salmata 2009

APPARIZIONE – STORIA

Rivista Mar/Aprile 2017

Rivista La Salette n. 2-2017

Rivista Gen/Febbraio 2017

Rivista La Salette 01/2017

Come abbonarsi alla Rivista

Offerta minima di sostegno < € 15,00 da versare sul c.c.p. 82744004 intestato a: REDAZIONE "LA SALETTE" Via Andersen 15 - 00168 ROMA Per Info: 0742.810105 - 3334808707 mail: padre.celeste@libero.it

NAVIGA CON I TAG

I SEGNI DA LEGGERE

APPARIZIONE DELLA “MADONNA DE LA SALETTE” (19 settembre 1846)

Testo a cura di Padre Celeste Cerroni tratto dalla Rivista n. 6 Dicembre 2012 OCCASIONE SPECIALE ANNO DELLA FEDE

 I SEGNI DA CAPIRE

Nulla raggiunge il nostro intelletto senza passare per i sensi. Abbiamo  quindi bisogno  di segni.  Sono parole comprensibili da tutti, cominciando dai più poveri. Servono da punti di partenza a una pedagogia della fede. I segni scelti da Maria sono, da questo punto di vista, molto suggestivi.

LA LUCE nella quale  si manifesta  non è un artificio destinato  a sbalordirci; essa  è, nella tradizione della Chiesa, il segno  della Risurrezione.  In Maria  risuscitata risiede la gloria  di suo figlio. Mentre parla  ai fanciulli, quell’alone  luminoso li avvolge.

MARIA A LA SALETTE PIANGE: «il suo materno amore  la rende sollecita ai fratelli di suo Figlio, ancora  peregrinanti e posti in mezzo a pericoli e affanni» (Lg,62). Maria piange sul suo figlio, misconosciuto  e respinto  dagli uomini. piange su noi peccatori.  piange sulle sventure che ci prostrano e provocano la nostra  ribellione invece di essere  percepite come un urgente  richiamo alla conversione… piange sul poco  caso  che facciamo alla sua sua intercessione: «Sono  incaricata di pregare ininterrottamente  mio Figlio per voi e voi non ci fate caso». Amare qualcuno  è dargli il potere  di farci soffrire. Le lacrime di Maria  sono i segni della sua impotenza di fronte alla nostra libertà,  allorché  rifiutiamo la salvezza che ci è proposta. Sono nel contempo  i segni del suo amore, l’estremo argomento di una madre  che ha solo i suoi occhi per piangere, per commuovere  i nostri cuori induriti. Ci rivela così la tenerezza di Dio: «Chi è dunque  Dio che piange  il nostro male come una madre? Chi è dunque  Dio che possiamo ferire cosi forte, ferendo  l’uomo? Chi è dunque Dio perchè  ci ami così?»

MARIA A LA SALETTE VESTE  COME LE CONTADINE DELLA REGIONE. I due bambini  non si stupiscono:  una lunga tunica, scendente fino alle caviglie,  un grande grembiule  da massaia alla vita, uno scialle incrociato  sul petto, una cuffia che nasconde i suoi capelli,  scarpe con fibbia.  «Abbiamo creduto che fosse una donna  della Valjouffrey percossa  dai figli e fuggita sulla montagna per piangere». Maria  come massaia  di Dio, incaricata del riordino della Chiesa:  Maria come madre  al servizio dei suoi figli…

• Quando Massimino e Melania  sono di fronte alla Bella Signora, si accorgono che la sorgente  della luce che invade  tutta la Visione è il GRANDE CROCIFISSO. Cristo in croce  nella luce della risurrezione  è la ragione d’essere e il cuore dell’Avvenimento de La Salette: la spiegazione di fondo è inevitabile.  Maria  a La Salette ce lo rammenta: «Per me, vivere è Cristo. Non  voglio saper altro tra voi che Gesù il Cristo, Gesù crocifisso. Se il Cristo non è risuscitato, quello che ci diciamo  non ha senso comune, nè quello che crediamo»  (S.paolo).

ATTORNO ALLA CROCE, i pastorelli hanno  notato il martello e le tenaglie, le catene e le rose che orlano  lo scialle, incoronano la fronte, ornano  le calzature. Simboli che Maria ci mostra senza spiegazione; siamo liberi d’interpretare, è una provocazione alla riflessione, alla ricerca  partendo dalla Sacra  Scrittura e dalla  Tradizione della Chiesa: evocazione della passione, misteri del rosario, peccato e riparazione, lavoro degli uomini, scelta da fare tra le catene dell’ingiustizia  e le rose dell’amore… La lista rimane aperta. Altri preferiranno partire  dal contesto storico dell’Apparizione: l’inizio dell’era industriale,  lotta del capitalismo e del comunismo, l’impulso delle filosofie materialiste,  lo scontro del clericalismo e del socialismo, dell’ateismo militante. In ogni modo,  l’essenziale è di ritornare  al centro di questi simboli: la croce di Cristo che, sola, può dare  un significato a ogni sforzo, a ogni ricerca, a ogni impegno, al rispetto di ogni persona umana, all’amore…  gettiamoci ai piedi del divin Maestro,  supplichiamolo con le lacrime agli occhi che abbia compassione di noi, ci riconcili e ci ristabilisca  nella nobile e santa  pratica della carità fraterna. (Clemente romano  ai Corinti,48).

• Mentre la Bella Signora  parla, MASSIMINO E MELANIA STANNO ACCANTO A LEI. «Nessuno sarebbe potuto passare  tra lei e noi!» Quando incomincia  a camminare, dicono:  «la seguivamo da vicino». Rimanere accanto, camminare al tuo seguito,  «cercare con te nelle nostre vite, i passi di Dio, o Vergine Maria». I primi pellegrini hanno perfettamente compreso il significato di quel cammino. Sul percorso sinuoso e ascendente del sentiero seguito dalla Bella Signora, hanno  piantato una Via Crucis, tragitto di ogni vita cristiana, unica via dalle lacime alla Risurrezione. Questo  cammino  rappresenta anche  uno spiraglio: in fondo al valloncello donde viene Maria, nessuna  prospettiva; sul luogo dove s’innalza, gli orizzonti vicini e lontani sono ampiamente aperti.

NELLA LUCE DELLA RESURREZIONE, Maria, al termine del suo cammino, s’innalza  lentamente  al di sopra  del suolo. guarda verso il cielo poi verso la terra e svanisce  in quella luce che è la sua dimora. Come Gesù a Emmaus dopo  la frazione  del pane: «Lo riconobbero, ma egli divenne  invisibile». «Dev’essere  una grande santa»,  mormora  Melania. E Massimino:  «Ad averlo saputo ch’era una grande santa,  le avremmo  detto di portarci con sè».

ULTIMO SEGNO: l’apparizione di Maria  non ha distratto i fanciulli dalla loro vita normale.  Ritornano senza sforzo alle loro occupazioni quotidiane. Ma quel «quotidiano» è già trasfigurato  e lo diverrà sempre  più a misura che risponderanno alla grazia loro fatta: «Dopo? Siamo  scesi a riprenderci i tascapani, quindi a far pascolare  le mucche sui nostri prati. Eravamo tanto contenti e abbiamo parlato di quello che avevamo visto!». Continua con —->>>>> PAROLE DA VIVERE

553108_322792984480231_1106902714_n