Traduci nella tua lingua

NEWS LAICI SALETTINI

Dal 30 settembre al 09 Ottobre 2016 si è tenuto a La Salette in Francia il 2° INCONTRO INTERNAZIONALE DEI LAICI SALETTINI. Per vedere tutti i video che la Congregazione ha pubblicato relativi all'evento cliccare sulla foto: 2 incontro internazionale laici salettini

Foto in slide di Salmata

Menu veloce articoli

 VOCAZIONI (32)
 VARIE (1)
 NEWSLETTER (14)
 APPARIZIONE (25)

Cammino di Santiago

LITURGIA DI OGGI

Una grande risorsa

Giubileo Salmata 2009

APPARIZIONE – STORIA

Rivista Ott/Dicembre 2017

Rivista La Salette 6-2017

Rivista Lug/Settemb. 2017

Rivista La Salette 4-5/2017

Come abbonarsi alla Rivista

Offerta minima di sostegno < € 15,00 da versare sul c.c.p. 82744004 intestato a: REDAZIONE "LA SALETTE" Via Andersen 15 - 00168 ROMA Per Info: 0742.810105 - 3334808707 mail: padre.celeste@libero.it

NAVIGA CON I TAG

News di Novembre 2017

PREGHIERA VOCAZIONALE 

“PARLA, SIGNORE, PERCHÉ IL TUO SERVO TI ASCOLTA”

G: Questa preghiera vocazionale ci deve preparare al Sinodo dei vescovi sui giovani del 2018: “la fede e il discernimento vocazionale”, voglia essere un’occasione di preghiera per aprirci alla Sua Chiamata. La disponibilità di Samuele a mettersi in ascolto, mediata dalla figura di Eli, diventi per noi e per molti giovani, un esempio per accogliere con cuore aperto l’invito di Dio, e farci dire, come lui: «Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta!». Come ci dice Papa Francesco nella sua lettera preparatoria al Sinodo, quella di Gesù è una chiamata che, «sebbene il frastuono e lo stordimento sembrino regnare nel mondo, […] continua a risuonare nel vostro animo per aprirlo alla gioia piena».

Canto di esposizione: Sono qui a lodati (o altro)

Primo momento: Un Cuore Addormentato

G: «Fin dal primo incontro, Gesù sembra voler suscitare e intercettare la domanda di senso e di relazione, presente in particolare nel cuore dei giovani».

(Cfr. Lettera pastorale alla diocesi di Vicenza, 2017, p.1.1).

Dal Primo libro di Samuele

Il giovane Samuele serviva il Signore alla presenza di Eli. La parola del Signore era rara in quei giorni, le visioni non erano frequenti. E quel giorno avvenne che Eli stava dormendo al suo posto, i suoi occhi cominciavano a indebolirsi e non riusciva più a vedere. La lampada di Dio non era ancora spenta e Samuele dormiva nel tempio del Signore, dove si trovava l’arca di Dio. (1Sam 3,1-3)

Per riflettere

Il cristiano è uno che porta dentro di sé un desiderio grande, un desiderio profondo: quello di incontrarsi con il suo Signore insieme ai fratelli, ai compagni di strada. […]. La povera gente è quella che non ha desiderio; il desiderio di andare avanti, verso l’orizzonte; e per noi cristiani questo orizzonte è l’incontro con Gesù, l’incontro proprio con Lui, che è la nostra vita, la nostra gioia, quello che ci fa felici.

Ma io vi farei due domande. La prima: tutti voi, avete un cuore desideroso, un cuore che desidera? Pensate e rispondete in silenzio e nel cuore tuo: tu, hai un cuore che desidera, o hai un cuore chiuso, un cuore addormentato, un cuore anestetizzato per le cose della vita? E la seconda domanda: dov’è il tuo tesoro, quello che tu desideri? – perché Gesù ci ha detto: Dov’è il vostro tesoro, là sarà il vostro cuore – e io domando: dov’è il tuo tesoro? Qual è per te la realtà più importante, più preziosa, la realtà che attrae il mio cuore come una calamita? Cosa attrae il tuo cuore? Posso dire che è l’amore di Dio? C’è la voglia di fare il bene agli altri, di vivere per il Signore e per i nostri fratelli? Posso dire questo? Ognuno risponde nel suo cuore. (Francesco, Angelus 11 agosto 2013)

Silenzio di meditazione

Preghiamo a cori alterni

Ritornello:           Dio è amore, non temere mai.

Pietà di me, pietà di me, o Dio,
in te si rifugia l’anima mia;
all’ombra delle tue ali mi rifugio
finché l’insidia sia passata. Rit.
Invocherò Dio, l’Altissimo,
Dio che fa tutto per me.
Mandi dal cielo a salvarmi.
Dio mandi il suo amore e la sua fedeltà. Rit.
(tutti) Innalzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria. Rit.

Hanno teso una rete ai miei piedi,
hanno piegato il mio collo,
hanno scavato davanti a me una fossa,ma dentro vi sono caduti. Rit.
Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.
Voglio cantare, voglio inneggiare:
svegliati, mio cuore,
svegliatevi, arpa e cetra,
voglio svegliare l’aurora. Rit.
Ti loderò fra i popoli, Signore,
a te canterò inni fra le nazioni:
grande fino ai cieli è il tuo amore
e fino alle nubi la tua fedeltà. Rit.
(tutti) Innalzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria. Rit. ( IIa parte il 16/11)


Leave a Reply