Traduci nella tua lingua

NEWS LAICI SALETTINI

Nel periodo dal 30 settembre al 09 Ottobre si è tenuto a La Salette in Francia il 2° INCONTRO INTERNAZIONALE DEI LAICI SALETTINI. Per vedere tutti i video che la Congregazione pubblicherà relativi all'evento cliccare sulla foto: 2 incontro internazionale laici salettini

Foto in slide di Salmata

Menu veloce articoli

 VOCAZIONI (30)
 VARIE (1)
 NEWSLETTER (14)
 APPARIZIONE (25)

Cammino di Santiago

LITURGIA DI OGGI

Una grande risorsa

Giubileo Salmata 2009

APPARIZIONE – STORIA

Rivista Lug/Settemb. 2017

Rivista La Salette 4-5/2017

Rivista Mag/Giugno 2017

Rivista La Salette n. 3-2017

Come abbonarsi alla Rivista

Offerta minima di sostegno < € 15,00 da versare sul c.c.p. 82744004 intestato a: REDAZIONE "LA SALETTE" Via Andersen 15 - 00168 ROMA Per Info: 0742.810105 - 3334808707 mail: padre.celeste@libero.it

NAVIGA CON I TAG

VOCAZIONI

VATICANO: CELIBATO SIA IMPEGNO CHIARO PER FUTURI PRETI

VOCAZIONI

La vita di consacrazione non è una scelta, ma una chiamata che esige una risposta.

Ogni chiamata ha dentro un progetto e noi dobbiamo essere in attento ascolto, aperti all’ascolto per capire. Dio chiama per condurci fuori da noi stessi, poiché la vera realizzazione dell’essere è aprirsi agli altri e dimenticarsi di sé, anche se questo non significa autodistruggersi. Ognuno è chiamato fuori in modo diverso, ma le vocazioni hanno uguale dignità. Solo chi è in ricerca capisce veramente, può ascoltare la chiamata; il discernimento aiuta a ripercorrere la storia personale e a scoprire Dio che passa momento per momento nella propria vita, attraverso delle mediazioni (la Parola, le persone, le situazioni).

Il segno chiaro della chiamata alla consacrazione è il trasporto verso Dio, il profondo bisogno di Lui, l’innamoramento di Dio; e come per l’amore verso un’altra persona, anche in questa vocazione c’è prima lo slancio del cuore e poi è Dio a volere che la fede cresca.

L’iniziativa è sempre di Dio e all’uomo spetta solo la risposta; Dio ha già tracciato il cammino e chiede a noi solo di mettere il piede nella Sua orma. Dopo la chiamata la ricerca di Dio non deve però esaurirsi, perchè se è pur vero che una vocazione si innesta principalmente sulla fedeltà di Dio, è comunque necessaria la collaborazione dell’uomo per farla crescere. Dio lascia sempre all’uomo la sua libertà. La consacrazione è un dono speciale che Dio fa alla Sua Chiesa e a qualche persona in particolare. E’ il dono totale di se stessi a Dio per il bene di tutti e non solo al fine di realizzare la propria vocazione.

I religiosi, che possono essere sia laici che preti, testimoniano che la vita cristiana è esigente, radicalizzando ciò che Gesù consiglia e assumendolo nella propria vita come “voto”. Essi indicano che seguire Gesù trasforma la vita, cambia il proprio nome ed il proprio volto, rende uomini e donne più veri e più liberi. Con la propria vita il religioso ci comunica che Dio viene prima di ogni altra cosa, è l’assoluto, che chiede tutto e che dona tutto.

Alla scelta definitiva di consacrare la propria vita a Dio si arriva solo dopo anni di cammino, nei quali si approfondisce sempre più il senso del rapporto personale con Dio, nello studio del carisma dell’ordine e attraverso la vita nella comunità di cui si entrerà a far parte.

La vita religiosa ha come fondamento l’esperienza comunitaria, via privilegiata per l’incontro con Cristo, e si esprime in una moltitudine di ordini di cui i religiosi fanno parte. Ognuno dei numerosi ordini è caratterizzato da un particolare carisma, cioè il dono che Dio fa attraverso lo Spirito Santo al fondatore di un ordine; si tratta di una luce che illumina un particolare aspetto del Vangelo e si fa servizio in e per la Chiesa. (Per un religioso è possibile cambiare ordine) La varietà di ordini è segno della provvidenza e della fantasia dell’Amore di Dio: in questo modo donne e uomini diventano presenza concreta di questo Amore per ogni fratello.

POVERTA’

Non significa essere pezzenti, ma, come Gesù dice nel discorso della montagna, indica povertà di Spirito, una povertà che è prima di tutto interiore; ciò implica affidarsi solo alla fede, vivere solo della fede, della Provvidenza, vivere intensamente il presente. La povertà è un cammino da una conversione all’altra per liberarsi, è un cammino di perfettibilità. La povertà materiale è il riflesso di quella interiore.

OBBEDIENZA

Anche questa è una forma di povertà, è dire a Dio “voglio dipendere da te”, è un atto quotidiano di adorazione, è riconoscere che Egli è Dio e noi creature. L’obbedienza a Dio passa attraverso la mediazione della Parola, dei superiori, della comunità e della regola dell’ordine.

CASTITA’

E’ l’offerta di se stesso, del meglio di sé, del proprio cuore; per fare questo occorre crescere in purezza, diventare puri di cuore ed essere così nella beatitudine di Cristo. La castità aiuta a vivere la Carità, così come è descritta da san Paolo nel suo inno all’Amore. Ciò porta alla solitudine che viene riempita da Dio; si è messi a parte per Dio, più uniti a Lui per essere più uniti ai fratelli. La castità non si riduce quindi a una questione fisica, ma è ancor prima intenzione di purezza.

Ma per te che sei arrivato a questa pagina  ti invito a a seguire passo dopo passo i link successivi (ma sono presenti anche in alto nel menù a tendina riferito alla pagina VOCAZIONI) per completare un percorso di conoscenza appropriata:

INVITO

UNA BELLA NOTIZIA PER TE GIOVANE

CAMMINO VOCAZIONALE SALETTINO

PERCHE’

DISCERNIMENTO VOCAZIONALE

I PASSI PER DIVENTARE MS

LA MIA VOCAZIONE SALETTINA